Storia

L’Istituto di Linguistica Computazionale (ILC) nasce nel 1980 come istituto autonomo del Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR). È il primo centro in Italia dedicato alla Linguistica Computazionale come disciplina autonoma e uno dei primi a livello internazionale.

Fino dalle origini, l’Istituto ha rappresentato e continua oggi a costituire un importante punto di riferimento per il settore.

Direttori

Antonio Zampolli

  • Antonio Zampolli (1980-2003)
  • Nicoletta Calzolari (2003-2008)
  • Andrea Bozzi (2008-2013)
  • Vito Pirrelli (giugno-novembre 2013)
  • Simonetta Montemagni (da dicembre 2013)

Storia

Nel 1969 l’Università di Pisa istituisce la prima cattedra italiana di Linguistica Computazionale, allora denominata "Linguistica Matematica", e la affida ad Antonio Zampolli, che viene anche nominato responsabile della Divisione Linguistica del CNUCE (Centro Nazionale Universitario di Calcolo Elettronico) di Pisa.

Nel 1978 la Divisione Linguistica del CNUCE diventa un Laboratorio e poi, nel 1980, un istituto autonomo del CNR, l’Istituto di Linguistica Computazionale. Da allora l’ILC è attivo nella proposta e realizzazione di iniziative a livello nazionale e internazionale per promuovere lo sviluppo dello stato dell’arte in settori strategici della disciplina.

Alla fine degli anni ’90, grazie ai finanziamenti del MURST (l’attuale MIUR), Antonio Zampolli, l'allora direttore dell’ILC, promuove e coordina i primi due progetti italiani sul Trattamento Automatico della Lingua (TAL), coinvolgendo i principali protagonisti del settore in ambito sia accademico sia industriale: il progetto SI-TAL "Sistema Integrato per il Trattamento Automatico del Linguaggio", finanziato nell’ambito della legge 46/82 art.10 (Infrastruttura nazionale per le risorse linguistiche nel settore del trattamento automatico della lingua naturale parlata e scritta), e il Piano "Linguistica Computazionale: ricerche monolingui e multilingui" finanziato nell’ambito della legge n. 488 del 19/12/1992 (Cluster 18).

L’Istituto è tra i membri fondatori della rete ForumTAL (inizio degli anni 2000) e dell’accordo TALIntesa (2012) che ha definito un quadro istituzionale per la collaborazione e l'attivazione di sinergie tra alcuni dei maggiori centri di ricerca italiani operanti nel settore del trattamento automatico del linguaggio. Inoltre, ha contribuito alla nascita e allo sviluppo di EVALITA (2007) e dell’Associazione italiana Linguistica Computazionale - AILC (2015).

A livello internazionale, grazie a numerose collaborazioni con centri di ricerca pubblici e privati, europei ed extra-europei, l’ILC fin dalla sua istituzione attiva sinergie tra quanti sono interessati al TAL al fine di identificare bisogni e priorità, definire programmi di lavoro e monitorare i progressi effettuati, evitando la duplicazione di sforzi. Da sempre l’ILC promuove l’inclusione dell’italiano nella rete multilingue della società globale e influenza le visioni strategiche implementate da enti internazionali in diversi settori della Linguistica Computazionale tramite:

  • la partecipazione alle attività delle maggiori associazioni scientifiche internazionali del settore, spesso con responsabilità a livello di dirigenza (come in ELRA, ALLC, EURALEX, ACL, ACH);
  • l’organizzazione di eventi internazionali come la "International Conference on Language Resources and Evaluation" (LREC);
  • la promozione e/o partecipazione a reti internazionali (dai primi network della fine degli anni ’90, come ELSNET ed ENABLER, fino ai più recenti CLARIN, FLaReNet, META-NET e NetWordS).