Modelli Computazionali dell'Uso Linguistico

L’area Modelli Computazionali dell'Uso Linguistico è dedicata allo studio dei fattori che governano i processi di comprensione, produzione, apprendimento e variazione di una lingua e le interazioni dinamiche tra di essi. In particolare, promuove lo sviluppo di modelli teorici dell'uso linguistico e la loro verifica empirica attraverso i) l'uso di metodi probabilistici per lo studio di corpora, lessici e basi di dati, ii) simulazioni computazionali, e iii) lo studio di evidenza linguistica di natura sperimentale, clinica e acquisizionale. Questo obiettivo è perseguito coniugando metodologie di rappresentazione formale e modellazione simbolica con i metodi, i dati e gli strumenti di indagine di settori disciplinari più orientati all'analisi dell'uso linguistico in contesti finalizzati e controllati, quali la psico- e neuro-linguistica, la sociolinguistica e la glottodidattica.